Alimentazione e rughe


Molto spesso le donne, ma recentemente anche molti uomini, ricercano nei trattamenti estetici e nelle creme cosmetiche un modo per ringiovanire i propri tratti o, quantomeno, per contrastare la comparsa precoce di nuove rughe. Di fatti, i filler e i trattamenti a base di acido ialuronico impazzano presso i medici specialisti e nei centri estetici all’avanguardia. Ma tutto ciò può bastare?

Ovviamente no, se si sottovalutano i pregi e l’assoluta necessità di una alimentazione adeguata che fornisca al nostro organismo i mattoni fondamentali con cui costruire le cellule della pelle. Di fatti, delle ricerche condotte negli Usa hanno portato alla conclusione che più elevati consumi di vitamina C e di acido linoleico corrispondono ad un migliore aspetto della pelle; mentre un alto apporto di carboidrati e di grassi totali è associato con una più elevata probabilità di precoce invecchiamento cutaneo.

Questo significa che dobbiamo introdurre nelle giuste quantità antiossidanti, fra cui il beta carotene, il licopene, le vitamine C ed E, i flavonoidi e l’acido folico. E allora spazio al lievito di birra, ma anche a uova, ortaggi a foglia verde, germe di grano, uvetta passita, melone, cereali integrali, frutta secca, agrumi, pomodori, cavoli nella dieta e germogli di soia.

Comments

comments

Lascia un commento