Pomodori, coltivazione fai-da-te

Pomodori fai-da-te? Perché no, la pianta sudamericana è ormai fondamentale in cucina – arricchisce innumerevoli pietanze – e non è così difficile da coltivare. Prima di iniziare a progettare il tuo “orto rosso”, però, dovrai assicurarti di possedere un terreno ricco di nutrienti e ben drenato. Considera, inoltre, che il clima del luogo in cui vivi dovrà essere mite, perché la pianta di pomodori non regge bene freddo e aridità. 

In questo articolo troverai alcuni consigli di base per creare la tua coltivazione di pomodori. Ti daremo delle dritte sulla preparazione del terreno, l’irrigazione, la concimazione, il raccolto. Scoprirai anche come creare dei supporti per la pianta, solidi ed economici, sfruttando delle canne di bambù per pomodori.

Prepara il terreno

I tuoi frutti cresceranno vigorosi se piantati su un terreno ben preparato. Il nostro consiglio è: inizia a vangare e fertilizzare l’orto in autunno, lasciandolo riposare fino alla primavera successiva. Dovrai vangarlo fino a un massimo di 40 cm, con la zappa o con una motozappa. Traccia dei solchi paralleli – distanti 70 cm o più fra loro – che attraversano tutta la lunghezza del campo. Il loro numero varierà in base alla grandezza del tuo orto. Inizia a sistemare sul primo del letame maturo (ideale per rendere il terreno fertile, calcolane 1,5 kg per metro quadro), e ricoprilo con le zolle tratte dal secondo solco. Continua seguendo questa logica fino alla fine dei solchi creati. Infine, livella il campo con un rastrello, spezzando le zolle più grandi.

Semina e irriga

Come anticipato, dovrai seminare il tuo orto in primavera. Getta i semi seguendo la riga dei solchi creati, e ricoprili con un po’ di terriccio: dopo due settimane le tue piantine emergeranno dal suolo. Ricordati di irrigarle con regolarità e in abbondanza. Nel farlo, considera le condizioni climatiche e il periodo: in estate dovrai innaffiare ogni giorno; in condizioni normali, due o tre volte a settimana. Fallo di sera o al mattino presto, evitando le ore più calde.

Canne di bamboo per pomodori, ottimi tutori!

A questo punto sarà necessario creare un’impalcatura a sostegno delle piante. Dopo una ricerca sul web e il confronto con gli esperti di banbamboo.com, ti consigliamo l’acquisto di canne di bamboo per pomodori, tutori economici e semplici da installare. Attrezzati con canne di bambù e spago (vanno bene anche legacci di rafia o plastica, oppure il filo da pesca) per creare dei sostegni a forma di “tenda indiana”. Trovi l’occorrente online o nei negozi di articoli per giardinaggio: scegli delle canne di bambù con un diametro minimo di 10 mm e massimo di 35 mm.

Concimazione e raccolto

Se hai lavorato bene in fase di preparazione del terreno, non avrai bisogno di concimarlo ancora in seguito. In caso contrario, acquista del concime liquido e segui le indicazioni di somministrazione indicate nella confezione. Riguardo il raccolto: nessuna fretta! Lascia maturare i pomodori sulla pianta e prendili solo quando saranno pronti per creare gustose insalate e conserve. Per questa ragione, ti ritroverai a raccogliere i tuoi frutti in più riprese, man mano che diventano maturi.

Hai già provato a coltivare da solo dei pomodori? Hai dei consigli da aggiungere? Raccontaci la tua esperienza!

Comments

comments

Lascia un commento